Leggi le ultime novità dal web

Come scrivere articoli che fanno molte visite

Come scrivere articoli che fanno molte visite

14 Gennaio 2013

Daniele Sforza

Come scrivere articoli che fanno molte visite è la domanda che si pongono tutti gli scrittori del web. Un sito o un blog esiste solo se viene letto dagli utenti. Un blog che fa 100 visite al giorno d circa 1 anno, è inutile: perché su internet, a differenza del “mondo esterno”, il pubblico potenziale è molto, ma molto più vasto. Lo scopo di un blog o di un sito è quello di catturare lettori, affascinarli e invitarli a ritornare più spesso sulle proprie pagine. Come? Scrivendo articoli che fanno molte visite.

Ma come fare a scrivere articoli che fanno molte visite? Ecco 7 cose che proprio non puoi non sapere.

Il titolo

Partiamo dal titolo non a caso perché è la cosa che salta più all’occhio. Digitando su Google “Xbox 360”, di certo non leggerai in primis la Meta Description: è il titolo che ti appare più lampante ed è su quest’ultimo che ti soffermerai. Più il titolo è accattivante, più risponde alla tua domanda posta al motore di ricerca, più attirerà la tua attenzione. Su come scrivere un buon titolo per una notizia sul web ne abbiamo già parlato, ma vogliamo ripetere un paio di concetti basilari.

- Le keyword sono molto importanti: inserisci all’inizio del titolo le parole chiave che semplificano la ricerca dell’utente;

- Esistono due tipi di notizie (e quindi due macrocategorie di titoli):

  • Titoli di attualità: prendono in considerazione i temi del momento che gli utenti cercano di più;
  • Titoli sempreverdi: vanno bene per qualsiasi periodo dell’anno, gli esempi più eclatanti sono rappresentati dalle cosiddette “liste”.

Content is king?

Il contenuto è davvero così importante? Certo! Il titolo non è mica tutto: il contenuto è la parte più importante per convincere l’utente che si trova sulla pagina giusta e che il sito su cui è arrivato è molto affidabile. Starà a te, dunque, decidere di formulare un testo che sia chiaro e comprensivo, che risponda a determinate domande e che sia di eccelsa qualità. Occhio all’ortografia, dunque: prima della pubblicazione, serviranno almeno due o tre riletture.

Keyword

Le keyword sono importanti sia nel titolo sia nel contenuto. Le parole chiave rappresentano in soldoni ciò che gli utenti cercano di più e danno una mano ai motori di ricerca per far capire loro che gli utenti, ponendo una certa domanda, arriveranno sul contenuto giusto nel nostro sito. Ripetere determinate keyword è decisamente importante, ma non certo alla rinfusa: bisogna orchestrare bene il testo e far sì che le keyword fluiscano bene nel testo. Una parola chiave, inoltre, può anche diventare una frase chiave: è il caso delle cosiddette liste (“Come fare il nodo alla cravatta Windsor” ad esempio, oppure “Le 5 migliori applicazioni per iPhone”). Le keyword nel testo si possono evidenziare tramite grassetto (o bold).

Meta Description

Il Meta Description è uno strumento molto utile per lettori e per motori di ricerca. L’abuso di questo strumento, tuttavia, ha fatto sì che recentemente i maggiori motori di ricerca non lo prendano più in considerazione per valutare i parametri di una corretta indicizzazione della pagina. Risulta però molto utile per quegli utenti che, bypassato il titolo, focalizzano la propria attenzione sul breve contenuto che il motore di ricerca ci propone, suggerendoci se in quella pagina troveremo quello che cerchiamo o meno.

Grafica del testo

Il testo deve essere anche grafico: che significa? Significa che non dovremmo offrire al nostro lettore un polpettone tutto attaccato privo di spazi e lungo una quaresima. Bisogna tagliare e cucire il testo, fare opera di pulizia, abbellirlo: andando a capo, ad esempio, paragrafando, inserendo titoli ai diversi capitoli autonomi del testo (come nel caso dell’articolo che state leggendo). Anche le liste aiutano, perché sono pratiche, schematiche e facilmente visibili all’occhio. La lettura su internet stanca, parti da questo proposito: a te l’obiettivo di renderlo riposante.

Link

Internet è il regno dello scambio: potete chiamarlo baratto di informazioni, ma i link sono senza alcun dubbio un’affidabile sorgente di autorevolezza. Linkando i vostri contenuti a siti esterni darai la possibilità ai possessori di questi di notare che sono stati sponsorizzati dal tuo blog, di interessarsi al tuo blog, di linkarlo a sua volta un giorno, anche solo per ringraziarti di averlo reso visibile, nonostante siate due perfetti sconosciuti. Se ad esempio stai parlando di strenne natalizie e trovi un articolo sui 10 migliori libri fantasy da regalare a Natale, linkalo; allo stesso modo se stai parlando di lavoro e trovi una fonte interessante sulle professioni più richieste al momento, effettua il link.

Molto funzionali sono anche i link interni al tuo sito: se hai scritto un articolo che riguarda come scrivere un buon titolo per una notizia sul web e su un altro articolo citi l’importanza del titolo, rimanda a quel contenuto tramite un semplice link: avrai più visite sulle pagine del tuo sito.

Immagini

Lo sai che puoi ottimizzare anche le immagini? Ecco alcuni semplicissimi trucchi per far sì che il tuo articolo faccia molto visite.
Prima di caricare l’immagine sul server, salvala con nome utilizzando parole chiave che siano attinenti al testo, magari separate da trattini (evitate i numeri).

La dovuta importanza andrà anche alla qualità dell’immagine che decidete di utilizzare: tu finiresti su un articolo che è corredato di un’immagine sgranata, microscopica o distorta? Crediamo proprio di no. La soluzione, dunque, resta quella di trovare il giusto compromesso tra dimensione del file e qualità dell’immagine.

New Com Web Srls - Via di Vigna Fabbri, 5 - 00179 Roma (RM) - C.F./P.Iva 13586351002 - REA: RM-1458775
Informativa sulla Privacy | Contatti